Raramente accade che un singolo minerale possa apportare dei cambiamenti così significativi per il corretto funzionamento del nostro organismo. Parliamo del Magnesio, un nutriente essenziale per il corpo, collegato alla biochimica del cervello e alla fluidità della membrana neuronale.

Molteplici sintomi neuromuscolari e psichiatrici (compresa la depressione) possono presentarsi in situazioni legate alla carenza di magnesio

Tutt’oggi i meccanismi dell’azione antidepressiva del magnesio ancora non vengono completamente valorizzati, eppure da numerose testimonianze (pubblicate nel libro di Lorenzo Acerra) si evidenzia come il magnesio influenzi diversi sistemi associati proprio allo sviluppo della depressione

 

La depressione: cause e sintomi

 

Donna depressa rannicchiata in un angolo in sofferenzaLa depressione è un disturbo molto diffuso. Basta pensare che ne soffrono circa 15 persone su 100. Sebbene possa colpire chiunque a qualsiasi età, è stato riscontrato come sia più frequente soffrire di tale patologia tra i 25 e i 44 anni di età. Quando si parla di depressione, non si fa riferimento ad uno stato d’animo negativo, legato ad una giornata non andata bene o ad un evento triste, ma ad un vero e proprio disturbo che trova terreno nella nostra psiche giorno dopo giorno, annidandosi sempre di più.

Tra i sintomi più frequenti della depressione:

  • cattivo umore che perdura nel corso dei giorni, spesso con episodi improvvisi di pianto; 
  • mancato interesse e attenzione verso ciò che ci circonda;
  • aumento o diminuzione dell’appetito;
  • insonnia;
  • mancanza di energia;
  • scarsa capacità di concentrazione.

Ciò che caratterizza i sintomi depressivi è la pervasività degli stessi, che causano un vero disagio clinico significativo, compromettendo al tempo stesso il funzionamento del nostro organismo. A concorrere per la comparsa di tale patologia, sia fattori biologici (spesso si parla anche di una predisposizione genetica) che psicologici.

 

Il ruolo del Magnesio nel trattamento della depressione

 

Il magnesio è un vero e proprio toccasana dell’umore, un minerale essenziale nel trattamento di questa problematica proprio per le sue azioni antidepressive, rilassanti e rivitalizzanti. Vediamole nel dettaglio. 

 

Azione antidepressiva del magnesio

 

Donna che breve un bicchiere d'acqua con una bustina di Magnesio Marino®Il magnesio viene considerato il minerale della felicità, proprio per la sue proprietà benefiche sul sistema nervoso. 

Stimola la funzione nervosa, favorisce la trasmissione degli impulsi a livello intracellulare, attivando l’esochinasi. Per chi non lo sapesse, si tratta di un enzima impegnato nel processo di glicolisi (come gli zuccheri vengono bruciati per produrre energia). 

Oltre ad attivare tale enzima, il magnesio produce serotonina, l’ormone della felicità. Quest’ultima è essenziale per l’azione antidepressiva e stabilizzante dell’umore. 

Occorre evidenziare come il nostro organismo, se sottoposto a fonti continue di stress ed ansia, tende a consumare più velocemente le scorte di magnesio, creandone una vera e propria carenza. Numerosi studi hanno dimostrato la relazione tra i bassi livelli di magnesio e quelli di serotonina. 

Anche in fase pre-mestruale e in menopausa, proprio a causa degli squilibri ormonali a cui è sottoposto il nostro corpo, sono evidenziate perdite notevoli di magnesio, con un conseguente impatto negativo sul nostro umore, dando vita ad episodi di irritabilità, depressione e insonnia. 

 

Azione rilassante del magnesio

 

Donna si rilassa sul divano grazie all'effetto positivo del Magnesio Marino®L’azione rilassante di tale nutriente non viene svolta soltanto sul sistema nervoso, ma anche su quello muscolare: contrasta le contrazioni e gli eventuali spasmi. Il magnesio infatti stimola tutte le funzioni muscolari, esercitando una notevole azione calmante. Basta pensare che:

 

  • contrasta l’ipereccitabilità neuronale, ripristinando una situazione di equilibrio; 
  • normalizza il ritmo cardiaco, prevenendo eventuali malattie cardiovascolari; 
  • riduce e previene la comparsa di crampi e spasmi, sintomi tipici delle persone affette da depressione.

 

Una carenza di magnesio può essere causa di molteplici disturbi legati al sistema muscolare, pertanto è necessario integrarlo correttamente nella propria quotidianità.

 

Azione rivitalizzante del magnesio

 

Donna dalla ritrovata vitalità entusiasta di Magnesio Marino®Uno dei sintomi principali della depressione è la stanchezza. Ci si ritrova a non avere più interesse per nulla e non possedere né la forza fisica che mentale per affrontare le giornate. Anche qui il magnesio ha un compito fondamentale, ossia svolgere un’azione rivitalizzante per il cervello, combattendo la spossatezza e donando una carica immensa di energia.

Gioca un ruolo basilare in molteplici processi metabolici, tra cui appunto quello della produzione di energia, svolgendo un’azione immediata sul cervello e sul sistema nervoso

Riassumendo, grazie al magnesio è possibile

  • sedare una situazione di ipereccitabilità cellulare, trasmettendo correttamente gli impulsi;
  • svolgere un’azione rilassante e calmante sull’intero sistema sia nervoso che muscolare;
  • donare la giusta energia per combattere i sintomi tipici della depressione


Un integratore, completamente naturale, quello proposto da Magnesio Marino: basterà una bustina di 3 grammi di cloruro di magnesio in polvere per donare al proprio organismo gli strumenti giusti per ristabilire l’equilibrio psico-fisico. 

__________________

FONTI:

  1. Gustavo Kinrys MD , Conquering your Stress and Fears: A Treatment Guide for Anxiety and Trauma-Related Disorders
  2.  Peter F. Gillham, Il Nutriente Miracoloso, 2000
  3. Anna Serefko, Aleksandra Szopa, Piotr Wlaź, Gabriel Nowak, Maria Radziwoń-Zaleska, Michał Skalski, Ewa Poleszak, Magnesium in Depression, Pubmed
  4.  Lorenzo Acerra, Magnesio. Reintegrare un minerale utile per la nostra salute, 2007
  5. Francesco Bottaccioli, Mente inquieta. Stress, ansia e depressione, Editore Tecniche Nuove, 2000
  6. Di Mario Di Fiorino, Jacopo G. Massei, Bruno Pacciardi, Sintomi somatici e depressione
0
Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commentox
()
x