Esiste alleato più grande per il cuore del magnesio? Dalle innumerevoli proprietà benefiche per l’intero apparato cardiovascolare, la sua corretta integrazione è fondamentale per contrastare e prevenire episodi di tachicardia. In questo approfondimento, evidenzieremo tutti i vantaggi in correlazione a queste problematiche. Partiamo con la definizione di tachicardia. Seguici in questo percorso legato al benessere e alla salute del tuo organismo.

 

Tachicardia: cos’è e definizione

 

Mano di un medico che appoggia un cuore di stoffa su di un elettrocardiogrammaQuando parliamo di tachicardia, facciamo riferimento a un ritmo cardiaco accelerato, precisamente nell’aumento del numero dei battiti del cuore al minuto. La cosiddetta frequenza cardiaca, che viene controllata da quelli che comunemente vengono definiti segnali elettrici attraverso il tessuto cardiaco.

Quando siamo in situazioni di completo riposo, la frequenza cardiaca dovrebbe rispettare il range dei 60-100 battiti al minuto. Quando il valore supera le cento pulsazioni, si parla appunto di tachicardia.

Perché la tachicardia può rappresentare un problema? In queste condizioni, il cuore non riesce a pompare correttamente il sangue ossigenato nel sistema cardiocircolatorio, andando incontro a molteplici problematiche. 

 

Tipologie di tachicardia

 

Occorre evidenziare che esistono molteplici tipologie di tachicardia, in relazione a determinate patologie. Tra le più comuni abbiamo: 

  1. Tachicardia ventricolare;
  2. fibrillazione ventricolare e atriale;
  3. tachicardia parossistica sopraventricolare;
  4. flutter atriale

 

Tachicardia: cause e sintomi

 

La tachicardia, come abbiamo anticipato, è causata dall’alterazione degli impulsi elettrici, che non pompano correttamente il sangue al sistema cardiocircolatorio. La maggior parte dei casi vede l’aumento del ritmo cardiaco dovuto a una maggiore richiesta di sangue da parte dei tessuti, situazione comune durante l’attività sportiva. La stessa può essere correlata anche all’assunzione di determinati alimenti (caffeina, bevande alcoliche) oppure a una situazione di tensione emotiva. Quando invece la tachicardia si manifesta in situazioni di riposo fisico e mentale, allora lì occorre indagarne la causa.

Per identificarla correttamente, lo specialista di fiducia consiglierà determinati esami da effettuare per avere un quadro clinico completo. Infatti, a lungo andare, uno scorretto funzionamento del cuore può dar vita a molteplici complicazioni, tra cui

  1. Perdita di coscienza
  2. Formazione di coaguli nel sangue;
  3. Successivi ictus e infarti;
  4. Insufficienza cardiaca.

 

Tachicardia e Magnesio: esiste una correlazione?

 

Confezione da 30 bustine di Magnesio MarinoDopo aver elencato le principali tipologie di tachicardia e i rispettivi sintomi, ora soffermeremo la nostra attenzione sul topic di questo approfondimento. Esiste una correlazione tra la tachicardia e il magnesio? La risposta è e a dircelo sono tantissimi studi scientifici che hanno evidenziato questo rapporto. 

Il primo studio, pubblicato su Pubmed, di cui andremo a parlare, è intitolato Magnesium and the heart: antiarrhythmic therapy with magnesium, evidenzia come il magnesio sia un vero e proprio modulatore transmembrana e intracellulare, essenziale per l’attività elettrica delle cellule cardiache. Un vero e proprio agente terapeutico per prevenire e contrastare le tachicardie.

Il secondo studio, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, dimostra che persone con un corretto valore di magnesio nel sangue presentano una riduzione di incorrere in rischi cardiovascolari, in quanto tale minerale protegge l’organismo da malattie coronariche causate da un insufficiente afflusso di sangue. Dati evidenziati anche dallo studio pubblicato sulla rivista BMC Medicine, condotto dalla Zhejiang e Zhengzhou University, che ha soffermato la sua attenzione sul benessere che il magnesio dona al cuore. Gli individui che integrano correttamente nella propria alimentazione tale minerale infatti presentano con minore frequenza patologie cardiovascolari.

Il terzo studio, pubblicato su Atherosclerosis, è molto interessante ai fini di questo approfondimento. Un’analisi di ben 15 anni che ha avuto come oggetto di studio 58 mila adulti, dai dati emersi si è evidenziato che

  1. le donne che consumano 274 mg al giorno di magnesio hanno un rischio di mortalità cardiovascolare più basso del 36%
  2. gli uomini che assumono correttamente magnesio rischiano in maniera minore un’emorragia celebrale

 

I tre benefici del Cloruro di Magnesio per la tachicardia: scopriamoli insieme

 

Nello specifico, il cloruro di magnesio agisce positivamente per la prevenzione e il contrasto della tachicardia, con tre immense proprietà benefiche. Vediamole insieme. 

 

Regolarizzare la pressione sanguigna

 

Braccio di una donna che misura la pressione sanguigna indossando uno sfigmomanometroIl magnesio gioca un ruolo fondamentale in questo caso in quanto:

  1. svolge un’azione protettiva dell’endotelio. Per chi non lo sapesse, l’endotelio è la superficie che riveste la parte interna dei vasi sanguigni;
  2. preserva l’elasticità delle arterie, che tendono a restringersi quando non vi è un corretto funzionamento. 

Il cloruro di magnesio agisce sia nei soggetti con valori della pressione alterata (ma non patologici), sia in soggetti già sotto trattamento farmaceutico. 

 

Prevenire le palpitazioni

 

Il cloruro di magnesio svolge un’importante azione calmante e rilassante sul sistema nervoso. E’ ormai noto che una carenza di tale minerale possa portare ad episodi di tachicardia. Pertanto è necessario integrare la giusta dose di magnesio nella propria quotidianità per regolare la contrazione del muscolo cardiaco e placare stati di tensione emotiva. 

L’integratore Magnesio Marino è realizzato in bustine monodose di 3 grammi al giorno, che rappresentano la dose necessaria per soddisfare il fabbisogno giornaliero.

Contrastare ictus e infarto

 

Sagoma di una testa umana di cartoncino con disegno di un cuore che pulsa a simboleggiare una perfetta circolazione sanguigna nel cervelloIl cloruro di magnesio è fondamentale per ridurre il rischio di ictus e infarto in quanto

  1. Svolge un’azione sedativa sul sistema nervoso;
  2. Bilancia i livelli del calcio, minerale complementare al magnesio, il cui valore eccessivo potrebbe aumentare la possibilità di ictus e infarto o di altre malattie cardiache.

 

Ecco perché assumere Magnesio Marino per prevenire la tachicardia

 

L’utilizzo del magnesio come abbiamo visto è di grande importanza nel trattamento delle tachicardie e nella prevenzione di malattie cardiovascolari. Grazie all’integrazione nella propria alimentazione di Magnesio Marino, integratore di puro cloruro di magnesio, senza glutine e senza additivi alimentari, è possibile soddisfare il fabbisogno giornaliero, assumendo una bustina al giorno di 3 grammi.

Prevenire la tachicardia, combattere il rischio di ictus, aiutare il cuore nella sua attività quotidiana: ecco tre motivi per scegliere il nostro integratore. Cosa aspetti? Acquistalo ora!



Fonti: 

  1. Alexandria A Piotrowski, James S Kalus, Magnesium for the treatment and prevention of atrial tachyarrhythmias, Pubmed
  2. T Fazekas, B J Scherlag, M Vos, H J Wellens, R Lazzara, Magnesium and the heart: antiarrhythmic therapy with magnesium, Pubmed
  3. L T Iseri, Magnesium and cardiac arrhythmias, Pubmed
0
Ti è piaciuto l'articolo? Lascia un commentox
()
x

Grazie per esserti iscritto!